ORGANIZZA CON NOI LE TUE ESCURSIONI NELL’ARCIPELAGO.

Attraverso il nostro tour desk potrai prenotare: Visite guidate, escursioni, noleggio auto, moto e scooter e tanto altro ancora.

TOP 10 DA VEDERE

  1. Spiaggia Rosa, Isola di Budelli. Dal 1994 rientra nella zona A – a tutela integrale – del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena ed è quindi solo possibile ammirarla dal mare al confine delle boe o da terra percorrendo il sentiero situato ad est della spiaggia; ma attenzione!….è vietato calpestare l’arenile o fare il bagno.
  2. Cala Coticcio detta “Tahiti”, Isola di Caprera
  3. Cala Granara, Isola di Spargi
  4. Spiaggia di Santa Maria, Isola di Santa Maria
  5. Bassa Trinita anche chiamata Baia Trinita, Isola di La Maddalena
  6. Porto Della Madonna, Isola di Budelli anche detta “Le Piscine” per le sue pozze naturali di acqua chiara
  7. Cala Napoletana, Isola di Caprera
  8. Cala Corsara e le sue rocce plasmate dal mare e dal vento, “Il Bulldog”, “L’Italia in Miniatura” e “La Testa della Strega”, Isola di Spargi
  9. Punta Tegge, Isola di La Maddalena. I militari della Base USA, che risiedevano a La Maddalena fino al 2007, la chiamavano “Flat Rocks” per la conformazione delle sue rocce piatte. Da qui si possono ammirare suggestivi tramonti!
  10. Cala Serena, Isola di Caprera
LaMaddalenaCalalungabis-vi
trinità
caprera-laguna.jpg
PUNTA_TEGGE

TOP 10 “NON SOLO MARE”

  • Tour per il centro storico dell’Isola di La Maddalena. E’ simpatico girare per i “carrugi”, viuzze strette e tutte pavimentate con lastre di granito proveniente dalle numerose cave presenti sull’isola (oggi tutte chiuse) e ricchissime di granito. Lo stile architettonico è quello portato dai Corsi che come è noto, avevano ed hanno, le loro radici a Genova, per cui si possono ammirare i ” carrugi ” liguri, puliti,ordinati e ben tenuti.
  • La Casa e la Tomba di Garibaldi, Isola di Caprera. Il Generale si stabilì a Caprera nel 1857, in un periodo particolarmente difficile della propria vita dopo la morte di Anita, la caduta della Repubblica romana, l’abbandono dei figli, e trovò in quest’ambiente l’atmosfera ideale per riprendersi psicologicamente e ricostruire la propria vita.
  • Museo Geo-mineralogico naturalistico di Stagnali, Isola di Caprera . Nelle due grandi sale sono esposti campioni di rocce, minerali, fossili, sabbie di spiaggia, conchiglie, flora e fauna marina, provenienti essenzialmente da numerose località del territorio del Parco; tra i campioni minerali degni di nota sono presenti, giganteschi gruppi di cristalli di quarzo affumicato (sino a 150 kg e 65 cm di lunghezza)
  • Museo Nazionale “Memoriale Giuseppe Garibaldi”, Isola di Caprera Il Memoriale, attingendo a materiali appartenuti all’eroe dei due mondi, storico-documentari provenienti da diverse collezioni, ma anche con ampio utilizzo di sistemi multimediali, conduce il visitatore a rivivere l’intera esistenza e attività di Giuseppe Garibaldi.
  • Punta Rossa, Isola di Caprera . Un antica polveriera militare della seconda guerra mondiale che serviva a rifornire le navi e le imbarcazioni di munizioni oltre a costituire essa stessa un importante punto strategico del traffico marittimo fra Sardegna e Corsica fin dal ‘700.
  • Tejalone, Isola di Caprera Sulla punta più elevata dell’arcipelago, Tejalone, a 212 metri, era situata la stazione di vedetta e il comando di tutte le batterie del gruppo est.
  • Sentieri di Caprera. Gli itinerari si snodano su sentieri battuti e segnalati; all’imbocco di ogni sentiero, si trova una tabella che ne riporta il nome, il numero, la durata e il grado di difficoltà.
  • Batterie Militari di Spargi. L’isola assunse un ruolo importante nella difesa dell’arcipelago nel periodo fra le due guerre mondiali, quando vi si costruirono tre batterie, due delle quali nella parte settentrionale: sulla punta di Zanotto quella antinave intestata a Rubin de Cervin; sulla punta di Petraiaccio quella antiaerea chiamata M13 (più tardi M199). Entrambe mimetizzate per non essere facilmente scorte da parte dei ricognitori.
  • La statua di Ciano, Isola di S. Stefano La costruzione del mausoleo ebbe inizio dopo la morte di Costanzo Ciano, avvenuta nel 1939. La statua di Ciano, incompleta, non fu mai posta in opera, ma giace ancora sull’Isola Santo Stefano presso la cava nella quale era in lavorazione.
  • Museo del Mare e delle Tradizioni Marinaresche, Isola di Caprera Nel Museo sono presenti fotografie, documenti ed oggettistica, oltre a tutto ciò che riguarda il recupero della cultura antica locale, indissolubilmente legata al mare e quanto ha attinenza con esso.
centro-storico
casa-garibaldi
tejalone
budelli